Senza categoria

CAPODANNO TERAMANO: UN DISASTRO DA 40MILA EURO

Postato il Aggiornato il

Successone_CapodannoIl preannunciato disastro del Capodanno in piazza si è puntualmente verificato ed infatti, in queste ore, impazzano sul web immagini e commenti negativi sulla triste piazza Martiri in cui erano presenti a malapena 200 persone.

Marina Rei ha addirittura fatto notare che la piazza era un po’ moscia per i suoi gusti e stando sul palco circa un’oretta si è portata a casa i suoi 16.000 euro.

Tutto ciò è assurdo se si pensa che nelle altre città d’Abruzzo i concerti sono stati tutti annullati o rimandati   per le condizioni metereologiche ed invece, a Teramo, pur avendo il 90% delle strade piene di neve e ghiaccio con le frazioni completamente isolate, l’Amministrazione ha pensato bene di fare ugualmente la manifestazione. Quasi 40mila euro buttati nel cestino per intrattenere al massimo 200 cittadini infreddoliti che hanno sfidato la sorte pur di non lasciare da sola il nostro Assessore agli eventi Francesca Lucantoni che ha fatto l’ennesima brutta figura assieme al Sindaco Brucchi.

C’è però una cosa che lascia veramente sbalorditi. A Pescara, infatti, il concerto dei “Tiromancino” è stato rinviato al 6 gennaio per causa maltempo ed quindi sicuramente tutti i cittadini se lo potranno godere al meglio senza rischiare di rompersi una gamba scivolando sul ghiaccio. Ma veniamo ai costi. A Teramo il Capodanno è costato 40mila euro. Ed a Pescara? Sicuramente una cifra assurda per i Tiromancino che la nostra città non si sarebbe sicuramente mai potuta permettere (previste 50mila persone che avrebbero assistito al concerto). Leggi il seguito di questo post »

Annunci

CAPODANNO TERAMANO 2015 – I conti non tornano.

Postato il

Lucantoni

L’Assessore Francesca Lucantoni, il 28 Dicembre scorso, ha annunciato sul suo profilo Facebook i nomi degli sponsor del Capodanno in Piazza: Tercas -Popolare di Bari , Fondazione Tercas, Bim, Baltour , Dmp , Sanic srl, Iemme Costruzioni, Mastrilli, Falone, Amadori, Di Sante, Savini Costruzioni, Mastergrafica, Sapori Veri, Sirio , Neo Comunicazione, La Cantina di Porta Romana e Vivenda.

Andando a guardare sull’Albo Pretorio del Comune di Teramo, però, si trova solo la Delibera di Giunta n°501 in cui vengono conteggiati i contributi dei vari sponsor con l’indicazione della modalità di impiego ma di molti nomi citati dall’Assessore non c’è traccia.

RIEPILOGO CONTRIBUTI CAPODANNO 2015

(Delibera di Giunta n°501 del 29-12-2014)

  1. FONDAZIONE TERCAS:         3.000       Euro
  2. BIM:                                       9.023,35   Euro
  3. BANCA TERCAS S.P.A:         15.000     Euro
  4. EMME Costruzioni S.R.L.: 2.440       Euro
  5. M.P. Electronics S.R.L.:     1.220       Euro
  6. SAPORI VERI S.R.L:                 610         Euro
  7. FALONE Costruzioni S.R.L:   1.220       Euro
  8. NEO COMUNICAZIONE:       300         Euro
  9. SANIC S.R.L.:                           2.440       Euro
  10. BALTOUR S.R.L.                     3.000       Euro
  11. Comune di Teramo:             155,04   Euro

TOTALE: 38.408,49 Euro

 Mancano all’appello: Amadori, Di Sante, Savini Costruzioni, Mastergrafica, La Cantina di Porta Romana, Mastrilli e Vivenda. Leggi il seguito di questo post »

GUARDIA DI FINANZA IN COMUNE – Appalto Scuolabus

Postato il

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 Uomini in borghese della guardia di finanza, dei carabinieri e della polizia stradale hanno acquisito, stamattina, un gran numero di documenti nell’assessorato pubblica istruzione del Comune di Teramo, in via Irelli. Si tratterebbe di documenti relativi all’appalto per la gestione del servizio scuolabus, affidato negli anni scorsi, e in scadenza proprio oggi, alla ditta Fratarcangeli Cocco di Frosinone.

L’acquisizione è stata ordinata dal pubblico ministero Davide Rosati nell’ambito di un’inchiesta aperta dalla procura teramana proprio sulle presunte irregolarità del servizio scuolabus, al centro negli ultimi mesi di polemiche e proteste per le condizioni pietose dei mezzi che trasportano gli alunni (obsoleti, con gomme lisce e di frequente soggetti a guasti) ma anche per il loro rimessaggio, che sarebbe fuorilegge. Al momento non risultano avvisi di garanzia notificati ad alcuno.

I DEBITI delle Società sportive

Postato il

altan1

La scorsa settimana abbiamo parlato della gestione degli impianti sportivi ed oggi parliamo dei debiti che hanno le società sportive nei confronti del Comune di Teramo.

Sapete a quanto ammontano? 10.000 euro? 20.000 euro? No. La somma è di circa 210.000 euro.

Ma vediamo nel dettaglio.

  1. La TERAMO BASKET S.r.l. è debitrice del Comune di Teramo per la somma complessiva di € 167.385,50 dovuta per l’utilizzo degli impianti sportivi comunali per le stagioni 2010/2011 e 2011/2012.
  1. La A.S.D. FORTITUDO BASKET è debitrice nei confronti del Comune di Teramo della somma di € 12.720,00 euro dovuta per l’utilizzo degli impianti sportivi comunali per la stagione 2010/2011 e residui 2009.
  1. La A.S.D. HC 2002 Femminile è debitrice del Comune di Teramo per la complessiva somma di € 12.038,25 dovuta per l’utilizzo degli impianti sportivi comunali per le stagioni 2010/2011 e 2011/2012.
  1. La A.S.D. TERAMO HANDBALL TEKNOELETTRONICA è debitrice del Comune di Teramo per la complessiva somma di € 11.617,50 dovuta per l’utilizzo degli impianti sportivi comunali per il residuo rateo stagione 2010/2011 e 2011/2012 e per la stagione 2012/2013.
  2. La A.S.D. LIONS HANDBALL TERAMO ha praticamente estinto il suo debito.
  3. La A.S.D. SAN NICOLÒ VOLLEY è debitrice del Comune di Teramo per la complessiva somma di € 5.523,62 dovuta per l’utilizzo degli impianti sportivi comunali per la stagione 2010/2011 e 2011/2012.

Come mai l’Ufficio Sport non ha mai chiesto delle caparre alle società per garantire il pagamento dei canoni di utilizzo degli impianti come avviene in tutti i Comuni italiani?

Come mai l’avvocatura non si è ancora mossa per recuperare crediti che risalgono addirittura al 2010/2011?

Con 210.000 euro potremmo sicuramente fare dei progetti per i lavoratori disoccupati a Teramo oppure fornire diversi servizi e quindi noi, come Movimento 5 stelle, vigileremo attentamente affinché l’avvocatura si attivi al più presto ed interesseremo eventualmente la Corte dei Conti.

Durante le nostre indagini siamo venuti a sapere che probabilmente durante questi anni a Teramo si sono posti in essere degli “escamotage” per eludere il pagamento dei debiti nei confronti del Comune di Teramo.

Sapete come funziona?

In pratica se una società sportiva ha accumulato dei debiti nei confronti dell’Ente, la si chiude e se ne costituisce un’altra che risulta così completamente pulita dai debiti e può così non solo eludere le azioni di recupero dei crediti ma addirittura partecipare ai bandi comunali, che sono preclusi alle società morose.

Peccato che però i debiti rimangono perché il codice civile sancisce che nelle società prive di personalità giuridica sono responsabili in solido i rappresentanti legali e coloro che hanno agito in nome e per conto della società.

Ora, perché aspettare che il Comune ponga in essere degli atti di esecuzione forzata visto che alcuni responsabili di queste società possono permettersi benissimo di onorare il debito nei confronti della comunità teramana? Nella Teramo Handball, nella Fortitudo Basket o nella HC 2002 c’è qualcuno che può pagare?

In conclusione dal nostro punto di vista c’è decisamente un grande conflitto di interessi se il Direttore di un importante tg locale dovesse al Comune una bella somma di denaro poiché ci penserà sicuramente molto prima di attaccare i propri creditori.

Noi aspettiamo. A buon intenditore poche parole. Carta canta e per stavolta Suona pure.

 Movimento 5 Stelle Teramo

Impianti sportivi: il Movimento 5 Stelle porta le carte in Procura

Postato il Aggiornato il

Palascapriano_-_Teramo

Dopo un lungo lavoro per ricostruire l’intricata gestione degli impianti sportivi nel Comune di Teramo siamo finalmente giunti alla conclusione che è necessario inviare tutti gli atti alla Procura Regionale della Corte dei Conti ed alla Procura della Repubblica per poter fare chiarezza sugli eventuali comportamenti irregolari tenuti dall’Amministrazione.

Abbiamo ricostruito per filo e per segno tutti i passaggi che hanno portato alla gestione degli impianti sportivi in via provvisoria da parte di Linea Informatica S.r.l. ed abbiamo sottolineato le varie zone d’ombra di questo procedimento.

Nella nostra denuncia ci siamo chiesti come mai il Comune di Teramo si è privato di incassi per oltre 60.000 euro annui ed ha scelto di continuare a sopportare la spesa di tutte le utenze che ammonta a più di 500.000 avendo in cambio solo un canone annuo di 2.440 euro.

Ancora una volta si nota una totale assenza di programmazione politica per la gestione della cosa pubblica e ciò comporta inevitabilmente problemi, rallentamenti e mancati utili visto che in questi anni, al posto di assurdi interventi come l’Ipogeo, si sarebbe potuto investire nell’autosufficienza energetica dei nostri palazzetti sportivi.

Ci siamo chiesti perché si dà la possibilità al Gestore di poter organizzare concerti all’interno di un impianto sportivo incassandone tutti i proventi ed il Comune di Teramo dovrà, invece, pagare tutte le utenze?

Perché tutto questo?

Perché il Comune non ha mai pensato di farsi consegnare una caparra dalle società sportive ad inizio dell’anno sportivo come garanzia del pagamento dei debiti come fanno praticamente tutti i Comuni in Italia? Con tale misura si sarebbe evitato un aggravio di spese e di lavoro da parte dell’Avvocatura Comunale per tentare il recupero coatto dei crediti (ad oggi circa 200.000 euro) perché sarebbe bastato incamerare la caparra e ad oggi avremmo una bella cifra da poter investire in progetti e servizi per la cittadinanza.

In conclusione riteniamo che la decisione di consegnare le chiavi degli impianti direttamente alle società nel Febbraio 2013 sia stato un procedimento irregolare che abbia portato ad un enorme degrado degli impianti stessi visto che non si sono mai effettuati controlli da parte dell’Ufficio Sport riguardo alle manutenzioni.

Noi aspettiamo una risposta dalle Procure ma nel frattempo vigileremo sul recupero delle somme vantate nei confronti di alcune società che dovranno tornare ai cittadini.

Ps: a seguito delle nostre indagini ci era sembrato che la società Teramo Handball Teknoelettronica si fosse aggiudicata degli impianti sportivi dal Comune di Teramo nel Dicembre 2013 ma a seguito di ulteriori approfondimenti abbiamo saputo che ad aggiudicarsi tali impianti è stata la Teramo Handball 1976. L’accostamento dei due nomi è nato dal fatto che sul profilo facebook http://www.facebook.com/TeknoElettronicaTeramoHandball essi sono associati e pertanto ciò può creare una grande confusione (ultimo post di Giugno 2014).

La società Teramo Handball 1976 ha avuto come presidente il Sig. Almonti e si è potuta legittimamente aggiudicare gli impianti nel Dicembre 2013 visto che come società appena costituita non aveva esposizioni debitorie nei confronti del Comune di Teramo.

Fabio Berardini

Movimento 5 Stelle

LA TOTALE ASSENZA DI UNA PROGRAMMAZIONE PER IL TURISMO E PER IL COMMERCIO

Postato il Aggiornato il

_DSC6232

Nello scorso Consiglio Comunale abbiamo chiesto all’Assessore al Turismo e Commercio Marco Tancredi come intenda rilanciare questi due settori fondamentali per l’economia teramana e quali siano le attività che verranno poste in essere a breve.

La sua risposta è stata “Abbiamo zero euro in Bilancio per il Turismo e quindi non si può fare nulla”. Questa affermazione fa chiaramente intendere la totale assenza di una vera programmazione politica per la nostra città ma in questo contesto di crisi economica sarebbe fondamentale investire nel turismo e nel commercio ed avere idee chiare e vincenti ma evidentemente il Sindaco non la pensa così e ritiene di dover stanziare zero euro in questi Settori.

Brucchi più volte ha detto che i soldi non ci sono. Niente di più falso. I soldi ci sono eccome, ma nella maggior parte delle volte vengono sprecati od utilizzati molto male. Degli esempi?Si sono spesi più di 10.000 euro le fioriere che fungono da spartitraffico in Piazza Martiri. Una spesa decisamente enorme per la funzione di quei vasi.

Ancora: il Settore Tecnico ha fatto spendere circa 490.000 euro al Comune di Teramo più del dovuto avendo posto in essere una gestione della spesa per l’energia elettrica davvero superficiale. Quanti eventi sarebbero stati possibili con questi soldi per incrementare il turismo?

La totale assenza di una vera programmazione politicaè il grandissimo problema della nostra Giunta poiché non è possibile amministrare una città preoccupandosi solo di rotonde, fioriere e cantanti di Capodanno senza pensare minimamente a quei settori fondamentali per rilanciare l’economia. Leggi il seguito di questo post »

Sabato 13 Raccolta firme per il Referendum sull’Euro

Postato il Aggiornato il

Fuori dall'EuroFIRMA DAY 

Domani mattina anche il Movimento 5 Stelle Teramo sarà in piazza Martiri con il proprio banchetto per il firma Day. Verranno infatti raccolte le firme da tutti i cittadini residenti a Teramo per una legge di iniziativa popolare che andrà ad istituire un referendum consultivo sull’euro. In questo modo si darà la possibilità a tutti i cittadini italiani di scegliere il futuro della nostra nazione e quindi se restare con la moneta unica oppure optare per l’uscita dall’ euro.

Questo sistema di referendum consultivo è già stato utilizzato in precedenza ed è quindi una strada possibile per far esprimere tutta la nazione su un argomento molto delicato. Presso il nostro banchetto le persone si potranno informare, inoltre, su tutti gli aspetti che riguardano l’ uscita dall’ euro e farsi quindi un’opinione più consapevole con il materiale che metteremo a disposizione. Leggi il seguito di questo post »