TERAMO/ BRUCCHI CEDE AI RICATTI POLITICI: DODO DIVENTA VICESINDACO

Postato il Aggiornato il

APPELLO AI DISSIDENTI: FIRMATE SUBITO LA MOZIONE DI SFIDUCIA

 

brucchi

Il Sindaco Brucchi, dopo aver bloccato completamente per mesi la Città di Teramo, conducendola al completo degrado ed abbandono, è riuscito a fare la peggior scelta possibile: riconfermare tutti i vecchi Assessori nel loro ruolo.

 

L’unico ad essere stato escluso, senza una motivazione, è l’Assessore Silvio Antonini (il cui mandato verrà ricordato come il più breve ed il più inutile nella storia del nostro Capoluogo) la cui delega viene assorbita dall’Assessore Fracassa.

 

A questo punto il balletto di poltrone e stipendi “per tirare a campare” fino a fine anno dovrebbe essersi concluso, alla faccia delle richieste dei dissidenti che chiedevano un cambio di metodo e l’eliminazione della delega alla ricostruzione affidata a Dodo Di Sabatino.

 

Questa triste vicenda vede proprio Dodo Di Sabatino come protagonista assoluto e conferma ancora una volta come il ricatto politico abbia portato i suoi frutti. Infatti proprio Dodo Di Sabatino, qualche mese fa, ha ripetutamente minacciato di staccare la spina all’Amministrazione Brucchi a causa di una carenza di qualità: oggi, invece, viene addirittura nominato vice Sindaco secondo il famoso brocardo “pecunia non olet”.

 

Cosa faranno adesso i famosi dissidenti che ristagnano in quel limbo senza voler prendere una posizione chiara?

 

Cosa faranno ora che il Sindaco gli ha mostrato chiaramente che non ha alcuna intenzione di ascoltarli?

 

A questi consiglieri (Caccioni, Falasca, Sbraccia, Micheli, Campana, Puglia) non rimane che firmare la mozione di sfiducia per porre fine, una volta per tutte a questo accanimento terapeutico altrimenti saranno ricordati come complici della distruzione di Teramo.

 

A loro la scelta.

Fabio Berardini

Movimento 5 Stelle Teramo

 

Annunci